I NOSTRI SOSTENITORI

Attività Giovanile

 L'Attività Giovanile è il punto di forza di questa Associazione. Ben oltre il 70% è il vivaio formato da giovani. L'obiettivo associativo è quello di avviare i giovani verso uno sport in cui lo sviluppo e la formazione dell'individuo viene prima della prestazione, evitando la specializzazione precoce che porterebbe a rapidi, ma limitati risultati e all'abbandono della disciplina stessa. Attraverso esercizi ludici a carattere generale, speciale e poi specifici  si riesce a favorire il graduale inserimento dei giovani nel mondo dello Sport e nel mondo dello Sport del Karate. La competizione, o meglio "Gioco-Sport" a cui partecipano fino agli 11 anni, infatti non ha l'obiettivo vincere un Campionato..una Classifica..un Titolo, ma bensì di consentire la massima partecipazione di individui, evitando preclusioni determinate da prove eccessivamente tecniche e tarando la difficoltà delle prove in modo crescente, ma sempre adeguate all'età ed alle capacità dei partecipanti, dividendole così in 3 Prove:

 
- prova destrutturata....Percorso a Tempo - prova semistrutturata....Gioco Tecnico del Palloncino - prova strutturata....Prova Tecnica
Tali prove sono state create considerando il progressivo passaggio dallo sviluppo degli schemi motori di base alla formazione dei presupposti cognitivi, coordinativi e condizionali indispensabili;
 
 
Lo sviluppo delle Intelligenze Multiple
 
IL SE' : attraverso la formazione dello schema corporeo l'individuo scopre le proprie capacità e impara a gestirle.
 

IL SE' e l'AMBIENTE : attraverso dei percorsi attrezzati inizia il confronto con l'ambiente che delimita, orienta i comportamenti nello spazio.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
IL SE' e la TECNICA : attraverso l'alfabeto motorio del karate, ovvero la tecnica (difese, pugni, calci, ecc...) si affina la capacità di gestire il proprio corpo, migliorando le prestazioni e acquisendo sicurezze.
 
 
IL SE' e il SUONO : attraverso l'abbinamento suono-movimento si migliora la capacità di ritmo e di interagire con il tempo.
 
 
  
IL SE' e l'OGGETTO : attraverso l'uso di un palloncino che funge da bersaglio si lega la tecnica con la distanza in totale sicurezza.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
IL SE' e il SOGGETTO : attraverso la collaborazione con il partner-avversario si riesce a riconoscerne la valenza nel migliorare sé stessi. Affidamento e Collaborazione per progredire insieme.